Yooka Laylee | RECENSIONE

Un sviluppo travagliato!

Yooka-Laylee è stato creato da Playtonic Games, una software house formata da alcuni ex sviluppatori di Rare, gli stessi che hanno lavorato sul buon vecchio Banjo-Kazooie!

Nel 2012 gli sviluppatori avevano intenzione di creare l’erede spirituale di Banjo, ma solo nel 2015 Il titolo riesce ad approdare su Kickstater, superando l’obbiettivo prefissato in solo 28 giorni e diventando uno dei giochi più supportati ed acclamati del sito!

L’obbiettivo del TEAM era quello di creare un adventure platform vecchio stile; che allo stesso tempo riuscisse a far breccia nei cuori dei “nuovi” giocatori.. C’è riuscito? Scopriamolo insieme!.

Un tuffo nel passato!

Proprio come in Banjo-Kazooie controlliamo due simpatici animali, in questo caso impersoniamo un Camaleonte e un Pipistrello, entrambi caratterizzati in modo impeccabile!.

Lo scopo del gioco è quello di raccogliere tutte le pagine (ovvero Pagie) per avanzare in nuovi mondi sempre più strampalati; la nostra missione è quella di recuperarle prima del perfido Capital B, determinato a “rubare” tutti i libri del mondo per governare il mercato editoriale (anche se in verità, lo scopo principale e ben altro…).

Il gameplay non si discosta molto dai vecchi platform, si possono acquisire ed acquistare nuove mosse , le quali serviranno a risolvere puzzle o enigmi. Ad ogni mondo è possibile imbattersi in buffi personaggi che ti chiederanno di affrontare varie sfide (anche a tempo).

I dialoghi sono molto divertenti ed è possibile imbattersi anche in riferimenti su vecchi giochi (ed ovviamente sul glorioso N64) , non ci sono doppiaggi ma solo schiamazzi come in Banjo-Kazooie.

Tecnicamente è un buon gioco, lo stile rende bene così come la caratterizzazione dei personaggi che si presenta in modo superlativo, peccato per la telecamera che non viene gestita bene, portatoci a sbagliare spesso anche nelle fasi più semplici, così come il sistema di controllo che ci porterà a vari grattacapi non essendo ottimizzato come si deve.

Eppure, personalmente resto fiducioso su questi due aspetti che potrebbero migliorare con delle patch correttive.

 

Una saga che diverte, ma non stupisce.

Playtonic Games è riuscita a far breccia nei cuori dei veterani, proponendo un platform nostalgico (fin troppo), eppure il gioco non riesce totalmente a convincere, poiché, sa di già visto. Il Team si è focalizzato troppo sul fattore nostalgia limitandosi sin dal principio.

Yooka-Laylee è un gioco strampalato e divertente che riesce ad intrattenere per parecchie ore, soprattutto se si vuole completare l’avventura al 100%.Si poteva fare di più dal punto di vista del gameplay aggiungendo magari qualche feature originale, ma nel complesso gli sviluppatori sono riusciti a creare un buon platform.

Considerando la natura indie del titolo e il prezzo contenuto, non posso fare altro che consigliarvi tale avventura! Nella speranza che Playtonic Games valuti tutti i feedback degli utenti e della critica internazionale, evitando in futuro questi “piccoli” ma basilari errori!